Calle joshi

Biografie | By Poppo • 21-06-2020

La ripresa delle attività da parte della Stardom ha riservato una prima sorpresa ai fan: il main event ha visto il debutto di una nuova componente all'interno della unit Donna del Mondo, la ventritrenne Himeka.

Un nuovo acquisto da parte di Rossy Ogawa e soci, ancora una volta si tratta di un nome formato altrove, come nel caso delle colleghe Giulia e Maika (e che vale anche per la veterana Syuri); sicuramente un motivo di ulteriore caratterizzazione della stable, ma che se osservato con attenzione fa emergere come questo tipo di talenti stia man mano venendo preferito a quelli cresciuti sotto la supervisione di Fuka.

Idol's Road

La storia di Himeka per certi versi somiglia a quella di Tam Nakano, ed in genere di molte altre ragazze che si approcciano alla disciplina, ovvero quando il mondo dello spettacolo e delle Idol si fonde con quello joshi. Nel 2016 il comico Atsushi Tamura crea il suo personal progetto, le Suru Sukiruzu (anglicizzato in Through Skills), un gruppo formato da nove ragazze che secondo il pay-off sono in grado di "ignorare qualsiasi insulto da parte del pubblico", trasformandoli in energia positiva e rendendo il Giappone un posto migliore. Un gruppo antistress insomma, all'insegna del motto conclusivo dei loro show ("grazie per il vostro delizioso stress"), all'interno del quale Himeka spicca essendo la ragazza più alta e robusta, tanto da prendersi il nomignolo di Jumbo.

L'incrocio con il mondo del Puroresu è immediato grazie ad uno dei nomi più rappresentativi del nuovo millennio, Jun Akiyama, pluricampione Triple Crown e presidente della All Japan Pro Wrestling. L'idea di Akiyama, seguendo l'esempio di altre compagnie, è quella di attirare più pubblico organizzando degli spettacoli idol da inserie prima degli eventi. Il neonato gruppo non si lascia sfuggire l'occasione e strappa un accordo esclusivo per i primi spettacoli, ottenendo un riscontro più che positivo.

La collaborazione durerà lungo il primo (ed unico) anno di esistenza del gruppo, il cui termine verrà omaggiato con tutti gli onori dalla stessa promotion, quasi come se si stesse ritirando un lottatore.

La fine del gruppo sarà anche l'inizio della carriera da lottatrice di Jumbo.

Un'esibizione delle Through Skills risalente al 2017, in quel periodo il gruppo apriva spesso gli spettacoli della AJPW

Spinta dallo stesso Akiyama (che continuerà a darle suggerimenti anche successivamente), Himeka inizia ad allenarsi assieme alle Actwres Girl'Z della neo presidentessa Yumiko Hotta. Per il suo debutto viene scelta come avversaria una performer con lo stesso background e lo stesso livello di esperienza, Miku Aono, ma il vero banco di prova è il secondo incontro, quello con la più navigata Natsumi Maki. Durante il match - pur nella sua brevità vista l'inesperienza - Himeka mostra buoni fondamentali grazie alle sua abilità da judoka unite ad una discreta forma fisica, cosa che naturalmente non le risparmierà la sconfitta tramite German suplex. una mossa che sarà ricorrente anche in seguito, così come ricorreranno nel primo periodo diverse critiche dai sue ex follower che - incredebile a dirsi oggi - non accettano il fatto che un idol possa diventare una lottatrice.

Yumiko Hotta & Himeka Arita vs Kaho Kobayashi & Kakeru Sekiguchi

Oltre a Natsumi, a supervisionare il suo primo anno di carriera è la stessa presidentessa, interessata a costruire le fondamenta del suo personale rebranding attraverso la formazione di volti nuovi e all'introduzione di un titolo massimo in una promotion in cui finora non erano mai state assegnate cinture. La Hotta presenzia quindi ai suoi incontri in tutte le vesti, alleata, nemica o come arbitro.

Nel corso di questi incontri inizia a sviluppare anche una certa propensione allo scherzo, infatti inizia a proporre all'interno degli incontri dei mini spot in cui gioca sulla presunta goffaggine dovuta alle sue dimensioni. Un modo come un altro per mettere in scena il suo essere Jumbo, senza però screditare la sua forza.

Jumbo cerca di formare una piramide assieme a Mika Iwata e Kaho Kobayashi, con risultati disastrosi

La vera alleata con cui troverà un'intesa sarà però il nome di punta della compagnia, Miyuki Takase; le due mostrano da subito un'ottima alchimia avendo uno stile comune che richiama alle arti marziali, inoltre entrambe hanno iniziato la carriera nel 2017 (anche se Miyuki stava completando il primo anno di carriera quando aveva debuttato Himeka), motivo in più per entrambe per fare coppia fissa sotto il nome di Beginning, un nome ambizioso perchè si lega all'origine della stessa promotion.

Takumi Iroha & Rin Kadokura Vs Miyuki Takase & Himeka Arita

La partnership con la Takase consente alla Arita di poter fare esperienza al di fuori delle Actwres e di accumulare nuove esperienze, in particolare in Wave, SEAdLINNNG le due compagnie in cui ha raccolto finora i maggiori riconoscimenti.

Con la sigla di Nanae Takahashi, Himeka vive l'esperienza che segna la sua carriera: si trattava del suo primo incontro per una cintura, i vacanti titoli Beyond the Sea Tag Team e le avversarie erano la leggendaria Arisa Nakajima affiancata da Sae; durante lo spot finale Himeka subisce ancora una volta un German suplex, la trademark per eccellenza di Arisa, ma qualcosa va storto nell'atterraggio e Himeka finisce per colpirsi alla testa da sola con una ginocchiata. L'impatto spaventa i presenti, a tal punto che intervengono i medici a fine incontro per portarla via in barella.

La diagnosi fortunatamente non rileva danni al collo o alle ossa, ma l'errore pesa a livello psicologic, tanto da far vacillare le sue certezze sul voler continuare la sua carriere da pro wrestler. La sua fortuna però consiste nell'aver legato con i grandi nomi come il già citato Akiyama, la stessa Nakajima e addirittura Chigusa Nagayo la contattano subito per incoraggiarla a lasciarsi alle spalle l'incidente.

Il modo migliore per esorcizzare l'accaduto è tornare sul luogo del delitto, così viene riprosto l'incontro per le cinture di coppia e stavolta ad avere la meglio è la rappresentanza delle Actwres. Per entrambe è il primo titolo in carriera, una vittoria con diversi retrogusti: la soddisfazione di aver effettuato lo schienamento da parte di Miyuki, il sollievo per Himeka di aver portato a compimento l'incontro senza aver subito la tanto temuta mossa.

Almost catch the wave

Nagisa Nozaki vs Himeka Arita - Catch the Wave 2019

Il proseguo della sua carriera in singolo invece si sviluppa principalmente in Wave, culiminando nella partecipazione al suo evento più celebre, il torneo annuale Catch the Wawe. Il girone in cui viene inserita è durissimo: l'attuale campionessa AEW Hikaru Shida, la proprietaria nonchè veterana all-around Yumi Ohka e l'attuale Regina di Wave Nagisa Nozaki.

Se i match con la Shida e la Nozaki sono combattuti ma brevi, con la Ohka arriva la miglior prestazione in carriera, tanto da farle meritare il time limit dopo 15 minuti di battaglia ed impedendole di chiudere senza punti il torneo. Ma più di tutto conta la legittimazione: Himeka può lottare a pieno titolo con i grandi nomi, lo testimonia anche il fatto che l'incontro con la Nozaki è stato premiato come migliore match del torneo.

Le sue prime parole dopo il debutto in Stardom non lasciano spazio a dubbi: quella che vedremo d'ora in avanti sarà solo Himeka, niente più Jumbo, come suggerisce lo Zen durante il suo percorso ha eliminato o sostituito le parti superflue per migliorare sè stessa e da oggi potrà farlo ancora di più. In ottima compagnia.

Aggiungi un commento