Calle joshi

666
Match | By Poppo • 13-11-2021
Image Credits: 666

Scambi di ruoli, scambi tra promotion: Rebel X Enemy contro Revel 0 Enemy!

L'esagerazione é per molti versi l'essenza stessa del wrestling: per rappresentare una rissa tra persone, spesso non basta la semplice motivazione agonistica e allora occorre creare situazioni al limite, anche in chiave comica o surreale.

Nonostante un modo di leggere e divulgare la disciplina ancora parzialmente legato al concetto di disciplina sportiva, anche il puroresu negli anni ha saputo rielaborare le sue rappresentazioni in chiave umororistica, spesso risultando per contro più innovativo della controparte americana, basti pensare alla branca legata agli incontri intergender, negli anni evolutasi da semplice rappresentazione della disparità di forze in campo tra uomini e donne a messa in scena più complessa ed in grado di incorporare usi e costumi più moderni, come ad esempio il crossdressing, ossia quando un lottatore o una lottatrice si veste ed interpreta un personaggio del sesso opposto.

Un esempio legato a questo tema é stato inscenato grazie all'ennesima collaborazione tra la Ice Ribbon e la 666, da qualche anno legate dalla frequentazione della compagnia di Saitama da parte di Ram Kaicho - la figlia del cofondatore della triplesix Onryo - legame rinsaldato da qualche mese proprio grazie ad una faida che sta vedendo fronteggiarsi le Rebel X Enemy in cui milita la stessa Ram-u e la sua controparte crossdresser, le Revel 0 Enemy guidate da Maika Ozawa.

O si può dire anche da Onryo vestito da Maika Ozaki, punti di vista.

Scambio di persona

Rispettando il suo spirito anarchico, la compagnia che fu di Crazy SKB nin si é mai fatta problemi nel presentare caricature, stereotipi oppure semplici cammuffamenti scenici inconsueti, per questo motivo da diversi anni si possono vedere molti dei suoi lottatori travestirsi imitando alcune colleghe, oppure attingendo dall'immaginario femminile, come nel caso di Ankoku Shaman Morinosu (al secolo Tsukushida Morinosu), nato come sciamano invocatore e trasformato nel tempo in chiaroveggente gitana, con tanto piccola rubrica dedicata in cui leggeva i tarocchi interpretando le storie correnti proposte dalla sua eticetta.

Da allora si sono visti altri epigoni come Nene D.A.I. ossia la raffigurazione più diretta del crossdresser e priva di ulteriori spunti caricaturali, il cui ruolo é stato spesso quello di interagire con le joshine apparse nella sua compagnia, come Chairman Ram o con altri performer più macchiettistici quali Papillon Akemi, altro incrocio di sesso piuttosto bizzarro giocato sul contrasto tra la maschera con parrucca bionda ed un costume sul quale spicca appunto un papillon. Gli appassionati della DDT e delle sue affiliate come la Ganbare e la Basara invece forse avranno visto in qualche occasione ASUKAMA e magari prendendola come una semplice parodia di Asuka (l'attuale ringname di Kana), ma in realtà questo travestimento ideato da Taro Yamada affonda le radici proprio nella storia della 666, dato che la stessa Kana aveva collaborato con la compagnia, ricoprendo addirittura il ruolo di presidentessa per qualche mese.

Nene Dai & Ram Kaicho vs ASUKAMA & Papillon Akemi - 6 Maggio 2020, 666 (Shinjuku 2-chome)

Non si tratta però dell'unica maschera ideata da Taro, tant'é che anche lui ha preso parte all'attuale faida familiare, elaborando una seconda imitazione di un'altra lottatrice contemporanea, Rina Yamashita.

Scambi di Gruppo

Lo scorso 6 Marzo, Rina e la sua comapre di unit Maika Ozaki avevano fatto una comparsata in 666 per affrontare Onryo ed il contorsionista Konaka, mettendo in piedi una breve baracconata fatta di reciproche prese in giro ed un acceso scambio di prese alle parti basse tra lo stesso e la Yamashita, il tutto chiuso in maniera caotica accendendo gli animi tra le 2 squadre. Per ripicca, nelle settimane successiva il proprietario della 666 - la cui gimmick è quella del fantasma - inizia a preparare la sua vendetta, così decide di assoldare il fido Konaka ed il multiforme Taro per creare una versione al maschile del gruppo fondato da Maya Yukihi un anno fa, assumendone le identità al maschile, così Onryo é diventato Maika Ozawa, Konaka invece ha assunto le sembianze della Yukihi diventando Maya Yukipe e infine Taro con la sua parrucca fatta di perline é divenuto Rina Yamada.

Se le Rebel X Enemy erano nate in contrasto con il roster della Ice Ribbon in quanto ritenuto debole da parte dell'allora campionessa, per contrasto il nuovo gruppo sarebbe dovuto essere festaiolo e privo di velleità di competizione, da qui il nome Revel 0 Enemy.

Un omaggio particolarmente gradito dalle dirette interessate, tornate negli spettacoli successivi (ad eccezione di Maya, particolarmente impegnata anche in Oz Academy, ma non solo) assieme alla collega Ram per affrontarli e quasi sempre riuscendo a sconfiggerli agevolmente nonostante il susseguirsi di prese in giro e situazioni imbarazzanti generato dai rispettivi "furti" delle rispettive movenze.

Malgrado le sconfitte però, le Revel non hanno rinunciato all'obiettivo di colpire la controparte e l'occasione più proprizia si é verificata grazie ad uno scontro interno avvenuto lo scorso Settembre alla Korakuen Hall, figlio di una situazione di maretta interna.

Scambi di coppie

Per festeggiare i 15 anni di vita, in Ice Ribbon si é riformato il tag team per antonomasia, le pluridecorate Azure Revolution composte da Risa Sera e appunto da Maya, riappacificatasi con l'ex sodale dopo un anno di schermaglie causate proprio dal suo cambio di attitudine. Questo revival non ha decretato la fine del suo gruppo, tuttavia l'ennesima vittoria delle cinture di coppia ha attirato le mire delle sue compagnie, soprattutto di quella Maika con la quale era stata campionessa fino alla sconfitta patita dall'improvvisato duo composto da Tsukasa Fujimoto e Hiroyo Matsumoto.

Proprio la Ozaki assieme a Ram hanno avuto la loro opportunità titolata a Ribbon No Kishi, con la prima in particolar modo coinvolta nell'azione nel tentativo di mettere in difficoltà la sua precedente partner, finendo però vittima del maggior gioco di squadra avversario, capace quindi di mettere entrambe le rivali fuori gioco, seppure faticando più del previsto. Al termine della contesa però, mentre Maya si stava riconciliando con le rispettive amiche e nemiche, l'altra (o l'altro) Maika é apparso sul ring assieme all'altra (o altro) Maya, sfidando le due sovrane a mettere in palio le proprie cinture contro di loro.

(Dal minuto 6:50) Azure Revolution vs Maya Yuripe & Maika Ozaka - 26 Settembre 2021, Ice Ribbon #1148 Nagoya Ribbon 2021 (Nagoya Club Diamond Hall)

Questo match certifica in qualche modo il tema ricorrente di questa rivalità allargata, cioé il rovesciamento dei consueti ruoli assegnati negli incontri intergender: solitamente gli uomini interpretano la parte dominante, mentre alle donne spetta la parte delle underdog svantaggiate a cui tocca sovvertire il pronostico, ma in questo caso invece nonostante i fisici scolpiti esibiti dai 3 omaccioni, sono state prima le Rebel e poi le Azure ad impartirgli una dura lezione, ritorcendogli contro le rispettive provocazioni.

Nella prima parte della sfida a far la voce grossa é stata Risa, forte delle sue powermoves e della sua capacità di eseguire queste mosse d'impatto (come la giant swing o la Air raid crush) con relativa semplicità contro avversari di peso maggiore e laddove la situazione pareva sfuggirgli di mano ci ha sempre pensato Maya a darle supporto con le ormai collaudate mosse combinate. Eppure l'intesa ad un certo punto é sembrata rompersi nuovamente quando Risa ha colpito inavvertitamente la compagna con una doppia ginocchiata a terra a causa di un'improvvisa schivata da parte di Onryo, momento di confusione prolungato con il successivo tentativo di doppia chokeslam effettuato dagli stessi due, ritrovatisi alleati seppure inconsapevolmente, almeno fino alla ripresa di Maya con successiva sfuriata alla sua partner.

Tornate sulla stessa linea, il duo pur concedendo alcune sortite alla controparte, ha ripreso il controllo della sfida al punto da mettere i due sfidanti in completo imbarazzo prima e poi chiudendo la sfida con un sonoro calcio in testa da Maya a Maya, non sufficiente però a placare la furia di Yuripe, visto che dopo aver subito lo schienamento ha iniziato ad inveire al microfono esibendosi in una sequela di insulti interrotti solo con la forza da parte delle successive sfidanti, Suzu Suzuki e Saori Anou, intervenute per rimettere ognuno al proprio posto.

O almeno fino al prossimo scambio.