Calle joshi

Superluchas
Fuori Giappone | By Poppo • 26-05-2020
Image Credits: Superluchas

Per circa 9 anni la REINA è stata il punto di riferimento centrale dello scambio di talenti tra il Messico ed il Giappone, recuperando quel legame storico che aveva contribuito alla consacrazione di alcune stelle assolute come Bull Nakano e Akira Hokuto e le sue cachorras e che in epoca più recente ha elevato la lunga rivalità tra Kana e Syuri.

Nel 2019 però il Consejo si è trovato in una situazione abbastanza complessa dal punto di vista societario dopo la morte (avvenuta lo scorso Luglio) del proprietario Francisco "Paco" Alonso, che ha portato ad una poco celata lotta interna tra i suoi nomi storici e la figlia Sofia per il controllo della compagnia (e non si parla affatto di storyline); va però detto che da diverso tempo la divisione femminile CMLL ha trovato poco spazio all'interno degi spettacoli e, soprattutto, non ha più proposto nomi nuovi al suo interno, ancorandosi alle solite Marcela, Amapola, Princesa Sugehit e Dalys.

Ad inizio Settembre però viene fatto un interessante annuncio: Marcela avrebbe difeso il suo titolo in Giappone dall'assalto di Tsukushi in un evento non REINA, ma organizzato indipendentemente con la rivista Lady's Ring Magazine, per di più a pochi giorni di distanza da uno show della REINA, sempre a Shin-Kiba al quale però La Morena de Fuego parteciperà regolarmente nel main event in coppia con Leon contro il duo formato da Dalys e Kaho Kobayashi, altra abituè della scena messicana.

Due mesi dopo arriva un secondo annuncio, più importante: la partnership con la REINA è ufficialmente conclusa, tuttavia il Consejo intendo continuare ad organizzare eventi in Giappone per conto proprio, continuando ad appoggiarsi a Lady's Ring. Ma l'obiettivo principale è un altro: rinforzare il parco lottatricci giapponesi da portare in Messico.

Tokyo Joshi Pro export

Così l'8 di novembre Shoko Nakajima fa il suo debutto ufficiale all'Arena Mexico. La Princess champion è il secondo nome a rappresentare la TJP all'estero dopo Miyu Yamashita, la quale aveva lottato in America nella Wrestlemania Weekend, anche lei da campionessa Princess in un champion vs champion contro la detentrice del titolo SHINE Allisyn Kay (confronto dal quale uscirà vincitrice e double champ). Toccherà poi a Yuka Sakazaki e Maki Itoh emigrare, stavolta in direzione Regno Unito in EVE come guest star dall'evento di inizio 2020, Wrestle Queendom, inoltre Yuka e sempre Shoko potranno contare sulla vetrina offertale dalla AEW. Insomma la promotion satellite della DDT ha riscontrato forte richiesta riguardo alle sue ragazze di punta e ha quindi pensato di sfruttarel'occasione per ottenere visibilità ed al tempo stesso far fare esperienza alle sue colonne portanti.

Tornando in Messico, Shoko viene presentata come di consueto attraverso la diretta di presentazione dello show, dove viene intervistata e, in un simpatico siparietto, firma il suo primo autografo in terra messicana. Il suo match di debutto è un tre contro tre al meglio delle tre caídas (come da costume) ed è il secondo incontro della card; sue compagne per l'occasione sono Sanely e La Jarochita, di contro il team composto dalla panamense Dalys, Amapola e Reyna Isis.

SANELY, SHOKO NAKAJIMA, JAROCHITA vs DALYS, AMAPOLA, REYNA ISIS

La nuova arrivata si mette in mostra durante la prima caìda, prima esibendo alcune delle sue trademark e poi principalmente facendo feeding per le compagne, che riusciranno (come da prassi) a prendersi la prima vittoria; le alleate purtroppo subiranno per tutto il proseguo, finendo prima schienate e poi cedendo alla fine dell'ultima caìda. Alla Nakajima resta qualche highlight ed in generale una prestazione più che sufficiente. Nel corso della settimana lotterà altri quattro match, sempre in trios dalla struttura più o meno simile; ne vincerà solo uno, ma visto il contesto è un dettaglio abbastanza relativo.

Dos

Con l'arrivo del nuovo anno tocca al Giappone ospitare le atlete messicane: lo show va in scena sempre a Shin-Kiba e viene chiamato CMLL Lady's Ring Numero 2, ponendosi quindi come continuazione del già citato evento di settembre. Per l'occasione il Consejo decide di istituire un nuovo titolo ad hoc chiamato CMLL-Japan Women; ovviamente si tratta di un espediente per sostutire il titolo International usato dalla REINA, per quanto è risaputo che le cinture nel CMLL hanno scarso valore, tanto da venire difese e pubblicizzate di rado, almeno negli show principali. A contendersi la prima assegnazione un altro nome della Tokyo Joshi Pro, Mina Shirakawa; Mina nonostante i pochi anni di attività non è estranea alla lucha libre, infatti nel 2018 aveva già lottato in Messico nell'ambito di uno show indipendente in cui, tra le altre, aveva affrontato proprio la sua sfidante: l'onnipresente Dalys. La Caribena, del resto è uno dei nomi di punta della divisione femminile della promotion più antica al mondo, il fatto che non sia nè giovanissima (quest'anno farà 45 anni) e che non sia mai stata prima esattamente un mostro sacro del ring fa ben capire in quali stati sia l'attuale divisione.

Fatto sta che a uscire vincitrice è proprio la panamense, la quale dopo aver perso come di consueto la prima caìda, rimonta la più giovane avversaria portandola ad una combattuta tercera dove riesce a far valere la maggior prestanza fisica.

La stessa Dalys nei giorni precedenti e successivi sarà protagonista di un tour delle promotion giapponesi lottando proprio in TJP, in Ice Ribbon e con le Sendai Girls porterà con sè la più giovane Queen Aminata e La Jarochita.

 

Sendai Girls: Dalys & Queen Aminata vs DASH Chisako & KAORU

Jarochita che dal canto suo è stata protagonista dell'incontro più interessante della card contro Tsukushi, uno sprint di 10 minuti finito in parità dove entrambe hanno mostrato alcuni dei migliori aspetti del loro repertorio in fatto di agilità e ruvidezza dei colpi. l'incontro è stato importante anche perchè ha consentito alla stessa Tsukushi di lottare proprio in Messico durante la prima settimana di febbraio, un viagggio fortemente voluto dalla stessa Tsukushi stando alle sue parole.

 

MARCELA, TSUKUSHI, PRINCESA SUGEHIT vs DALYS, REYNA ISIS, METÁLICA

La sua prima esperienza in Mexico è più breve rispetto a quella di Shoko, però è uguale per contenuti visto che anche lei è stata coinvolta in trios concernenti più o meno le stesse avversarie, con l'eccezione della meno stagionata Avispa Dorada. Insomma una passerella, nè più nè meno.

L'avvento del COVID-19 ha poi fermato altri scambi tra le due nazioni, al momento sono previsti due show nel mese di luglio (rispettivamente i giorni 2 e 4, prima a Tokyo e poi ad Osaka), salvo eventuale peggioramento della situazione. Cosa aspettarsi dal futuro è difficile dirlo, come è difficile guardare con ottimismo la scena femminile in un contesto così poco incline al ricambio generazione come quello messicano, tuttavia si può sempre sperare che questo programma posso dare un contributo in tal senso, anche minimo.

vale sempre la massima "un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo".

Aggiungi un commento