Calle joshi

Attualità | By Poppo • 16-06-2020

Anche nel periodo di chiusura forzata delle attività legate al wrestling, Meiko Satomura ha dimostrato il suo spirito imprenditoriale.

L'ultima trovata è stata quella di mandare le sue ragazze (le trainee in particolare) a e seminare e raccogliere il riso nei campi delle prefetture di Miyagi (dove ha sede la sua promotion) e di Fukushima; attività frutto di un accordo con uno degli sponsor delle Sendai Girls’, la Igarashi Shōkai, produttrice di alimenti e merendine.

Un modo come un altro per garantire uno stipendio alle dipendenti e perchè no, di tenerle in allenamento, poichè rispetto ad altre compagnie come Ice Ribbon, Gatoh Move o TJP, il Senjo ha deciso di fare cassa in altre maniere: vendendo i diritti dei match passati a ITW per il suo show settimanale e collaborando appunto con gli sponsor piazzando anche qualche marketta all'interno dei video postati sui suoi canali social.

Mika Iwata mette in mostra le proprie abilità culinare per la preparazione della merendina PINO

Niente di nuovo sul fronte orientale

Se questa scelta dimostra astuzia contabile, l'altra faccia della medaglia è che la situazione della promotion dal punto di vista creativo e di roster aveva già preso un andamento calante a causa degli ultimi addii: le gaijin Madusa Complex (Millie Mckenzie e Charlie Evans) e Sareee ossia le principali protagoniste della scorsa annata;  la Sun goddess in particolare ha ricoperto il ruolo di mattatrice grazie alla sua invasione che le ha fruttato il titolo mondiale (doppio essendo stata contemporaneamente campionessa in Diana) e che soprattutto ha prodotto una rivalità di ottima fattura con l'attuale campionessa, Chihiro Hashimoto. La sua riconquista del titolo però pone un problema di fondo: non ci sono avversarie da mandarle contro, complice un roster corto (che l'anno scorso ha visto come ulteriore dipartita l'allieva di lungo corso Cassandra Miyagi) e la lunga durata del precedente regno in cui aveva già sconfitto la leggendaria proprietaria. A cemntare il suo status poi ci ha pensato la sua partecipazione al torneo della DDT D-Ou Grand Prix 2020, dove ha sfidato atleti del calibro di Konosuke Takeshita.

In realtà un nome ci sarebbe stato ed è quello di Syuri, rientrata a tempo pieno nel mondo del wrestling dopo l'esperienza nelle arti marziali miste, un nome di peso e di grande reputazione, l'ideale da mettere contro la Behemoth. Tuttavia lo scontro è già avvenuto lo scorso 8 Marzo e si è concluso con la riconferma (seppur sofferta) della campionessa. Una match ed una rivalità che - pandemia a parte - si poteva tranquillamente protrarre, ma evidentemente hanno pesato lo status di freelance della filippina ed in particolare la collaborazione con la Stardom.

Promo della seconda giornata dell'evento Don't Forget That Day

Chi rimane quindi?

Vecchie glorie

Le uniche sotto contratto e con uno status adeguato potrebbero essere le attuali campionesse di coppia, Hiroyo Matsumoto e Dash Chisako. La godzillessa è una lottatrice per tutte le stagioni, ottima in tag ed estremamente versatile in singolo, l'avversaria ideale per mettere in piedi una contesa senza esclusione di colpi, inoltre il suo palmarès e assolutamente di tutto rispetto. Dash invece lo scorso anno ha messo in piedi alcune dei migliori match della compagnia, proprio contro Sareee (in due occasioni) e contro le inglesi, dalle quali è riuscita a strappare l'attuale titolo a fine anno. Il suo essere una delle prime rookie finite sotto l'ala di Meiko e delle regular più longeve, potrebbe essere un nome spendibile.

Meno stagionata, ma da tenere d'occhio è Mika Iwata, rientrata dopo un lungo stop che l'aveva tenuta fuori dalle scene dallo scorso Giugno e, cosa più importante, è la principale partner della Hashimoto, con la quale forma il tag Beauty Bear. Resta un nome che fa parte del giro da diverso tempo, per vedere nomi nuovi occorre rivolgersi altrove.

Giovani prospetti

L'ultimo show aveva visto il ritorno del Jaja Uma, il torneo per le Junior aperto anche alle giovani promesse delle altre promotion. Per la quasi sedicenne campionessa di categioria Manami si trattava di un un nuovo step all'interno del suo percorso di crescita, dopo i buoni segnali mostrati nel corso della scorsa annata dove ha incrociato tutti i nomi più importanti del roster ed arrivando a mettere in scena una validissima prova in occasione della vittoria della cintura contro Mikoto Shindo, l'altro talento allevato in casa (in cooperazione con la Marvelous). La competizione era anche un modo come un altro da parte della Satomura di fare scouting e reclutare possibili nomi da aggiungere all'interno degli spettacoli, come già avvenuto nel caso di due delle partecipanti, Maria e Mei Suruga, in particolare la seconda che si sta mettendo in luce anche agli occhi del pubblico occidentale. Purtroppo l'annullamento degli show ha sconvolto i piani e stando alle dichiarazioni della boss a Weekly Pro-Wrestling non è detto che l'edizione di quest'anno possa concludersi.

Insomma, aspettando la ripresa c'è molto lavoro da fare, ma non è detto che la Satomura non abbia già in mente un paio di soluzioni, ma per il momento a Sendai c'è da seminare e ciò che raccoglieranno si vedrà più avanti.

Aggiungi un commento