Calle joshi

Wrestling inc.
Attualità | By Poppo • 28-04-2020
Image Credits: Wrestling inc.

22 Febbraio 2020

Alla Shin-Kiba di Tokyo va in scena l'ultimo match di Sareee per la DIANA, la promotion che l'ha formata nel2011 e ripresa anni dopo nella propria scuderia dopo due stint morti sul nascere in Stardom e Seadlinnng.

L'avversaria per l'occasione è Yoshiko, perciò è evidente fin sa subito che non si traterà di un incontro amichevole, ma di una battaglia di hard hitting a suon di colpi brutali. Un biglietto da visita per tutti i neofiti che vorranno informarsi sullo stile di questa lottatrice, qualora dovesse diventare famosa al di fuori del Sol Levante.

Dopo circa 20 minuti di scontro finisce l'incontro e Sari prende la parola per dare il commiato definitivo, ma soprattutto per mettere nero su bianco quello che si sapeva già da tempo: lei è ufficialmente il nuovo acquisto della WWE per rinforzare il suo terzo brand, NXT.

A partire da Marzo si trasferirà in America. O almeno così dovrebbe andare.

24 Maggio 2017

William Regal, storico volto del wrestling britannico oltreoceano e soprattutto capo del settore talenti e scouting della WWE viene avvistato tra il pubblico di Fortissimo, evento organizzato della Seadlinnng. C'è da allestire il Mae Young Classic, un torneo ad eliminazione per il quale è prevista la partecipazione sia di atlete già sotto contratto con la federazione, che di esterne potenzialmente arruolabili alla causa del nascente slogan imperante a Stamford: Women's revolution.

Servono quindi nuove performer dalle diametralmente opposte allo stereotipo delle Divas visto ed imposto da più di un decennio, di conseguenza questa apparizione fa scattare le speculazioni; Nanae Takahashi è il volto principale della federazione, ma l'affaire Yoshiko avvenuto in Stardom due anni prima la esclude a priori per questioni di immagine, quindi restano due nomi: Arisa Nakajima e Sareee.

Nessuna delle due verrà presa, la scelta ricadrà sulle atlete Stardom, le locali Kairi Hojo ed Io Shirai (fermata da un infortunio, ma assunta l'anno seguente) e le Gaijin più importanti come Nixon Newell (Tegan Nox, anche lei si fermerà per via di un grave infortunio), Toni Storm, Viper (Piper Niven) e Kay Lee Ray. Di contro Sareee troverà diverse difficoltà nella nuova promotion (i rumors inputavano agli standard eccessivamente elevati richiesti dalla Takahashi) e a fine anno lascerà per tornare in Diana. Un infortunio alla clavicola sancirà l'uscita temporanea dai riflettori.

15 Luglio 2019

A un anno dal suo rientro sul ring, la Sun Goddess è a tutti gli efetti uno dei nomi più caldi sulla scena: non solo ha vinto il Diana World title, ma detiene allo stesso tempo il titolo mondiale Sendai Girl's vinto sconfiggendo Chihiro Hashimoto e soprattutto la leggendaria Meiko Satomura, una lottatrice che concede questo privilegio a poche (e meritevoli) privilegiate. Riprendono quindi le voci su un possibile trasferimento in America, si parla di una chiamata di HHH in persona e si vocifera pure di un possibile piano per creare la versione giapponese di NXT; a fare da cassa di risonanza ci pensano i commentatori di Samurai TV durante l'evento delle Sendai a Yokohama il 15 Luglio che associano espressamente NXT al suo nome durante il suo match di coppia con Ayame Sasamura, tuttavia qualche mese dopo Sareee smentirà queste voci in un'intervista a Tokyo Sports. Il 2019 in generale è il suo anno, appare in quasi tutte le promotion, in Ice Ribbon dove affronta la padrona di casa Tsukasa Fujimoto (con tanto di rivincita sempre in DIANA), a fine anno si classifica al terzo posto ai Tokyo Sports Puroresu Awards dietro alla Hashimoto e alla vincitrice Mayu Iwatani che dovrebbe sfidare ad inizio 2020. O almeno così sarebbe previsto.

Il 7 Febbraio, un giorno prima dell'evento in questione, la Stardom dirama un comunicato ufficiale in cui dichiara che Sareee ha contratto l'influenza intestinale e non potrà prendere parte al main event della serata e verrà sostituita da Takumi Iroha. Ma nel periodo precedente a fare notizia sono stati gli incontri pubblici

Antonio Inoki, Masahiro Chono (legato alla STF, una delle sue trademark), un tour di incontri con relativi endorsement un po troppo ravvicinato per non alimentare ulteriori sospetti. Ormai l'ingaggio è praticamente certo, manca solo una dichiarazione ufficiale da una delle parti che arriva appunto due settimane dopo. Restava solo da capire quando avrebbe debuttato, il periodo post Wrestlemania solitamente è un periodo di debutti in genere, inoltre il fatto che l'ex compagna di Dojo in DIANA Rhea Ripley fosse campionessa sembrava presagire scenari interessanti. Sembrava.

Ma c'è un fattore che nessuno aveva considerato: l'epidemia di Coronavirus, un evento di una portata tale da stravolgere la maggior parte delle attività umane, incluso il wrestling. In giappone la Stardom è la prima ad annullare la maggior parte della programmazione nei mesi successivi e più o meno le altre federazioni si adegueranno (pur con i dovuti distinguo).

In America invece la situazione viene affrontata in maniera diversa e con un certo ritardo rispetto ad altri paesi, bisognerà attendere fine Marzo per vedere le prime vere misure drastiche viste altrove, ma questo non eviterà al paese di diventare ufficialmente lo stato dove si sono registrati più casi di infezione da COVID-19 al mondo. È il 26 Marzo, lo stesso giorno in cui terminano le riprese di Wrestlemania, la prima nella storia senza pubblico e non trasmessa dal vivo.

La WWE decide quindi di andare avanti, live o meno la programmazione non si ferma, la sua influenza economica e politica è talmente forte da riuscire a far considerare i suoi programmi come Essential services dallo stato della Florida, ossia dalla sede del Performer Center, dove al momento hanno luogo le registrazioni degli show e dove Sari dovrebbe già trovarsi per iniziare la sua nuova avventura oltreoceano.

Invece la nostra è ancora in Giappone, come ci racconta attraverso il suo nuovo canale Youtube.

Eppure non è la prima volta che un evento straordinario "intralcia" la sua carriera: nel 2011, sempre nel mese di marzo un terremoto di magnitudo 9 causò gravissimi danni nella regione di Tōhoku, incluso il terribile incidente atomico di Fukushima. In quel caso il debutto in Diana venne posticipato relativamente di poco (un mese dopo).

Ovviamente la DIANA non è la WWE e l'impatto di questa pandemia nel prossimo futuro è ancora tutto scoprire per quel che riguarderà il nostro stile di vita e le possibili congiunture economiche (che in questo momento sembrano inevitabili purtroppo) e dalle quali la WWE non sembra del tutto immune, come dimostrato dall'ultima ondata di licenziamenti avvenuta poche settimane fa. Un ambiente incerto dunque si somma alle altre difficoltà già preventivate come l'apprendimento della lingua, l'adattamento allo stile di vita e soprattutto di lotta mainstream che rappresenta la vera preoccupazione dei suoi fans come si evince dalle domande poste nel video e dai commenti. Vedremo almeno in parte la stessa stiffness dei suoi calci e dei suoi stomp, la sua aggressività sfacciata che è il suo vero marchio di fabbrica,? O ci verrà proposta l'ennesima giapponese generica tutta tecnica da baby face e urlatrice di frasi a casaccio da heel?

Il talento e la voglia di imparare di certo non le mancano, così come l'esprienza, nonostante i soli 24 anni di età e tutti gli appassionati si augurano che Sareee o Sari a seconda del nome che sceglierà possa venire valorizzata come merita. Se il panorama Joshi deve subire determinate perdite che queste siano fruttose almeno per le atlete.

In WWE e ad NXT in particolare il timing è tutto: un debutto al momento giusto e con la giusta cornice possono fare miracoli, chiedere a due grandissimi come Shinsuke Nakamura e Kana/Asuka, quindi meglio attendere tempi migliori che debuttare allo sbaraglio in un Performance Center vuoto e malinconico.

Ma quando si parla di WWE bisogna pur sempre tenere in considerazione la massima di Lao Tsu: Il tempo è una cosa artificiale. Dire "non ho tempo" è come dire "io non lo voglio".

Aggiungi un commento